Il piatto della salute

Al giorno d’oggi sono sempre più numerose le fonti disponibili che trattano di alimentazione e che danno indicazioni su cosa mangiare per dimagrire, mettere massa e vivere bene.

Purtroppo, la grande mole di informazione può comportare confusione e frustrazioni tali da innescare una relazione insana con l’alimentazione ed il cibo.

Così facendo, rischiamo di cadere in un “mare di notizie” e assumere involontariamente comportamenti sbagliati, che ci allontanano dai nostri obiettivi.

Dal complicato al semplice

La soluzione al problema non è mai intuitiva né scontata, ma certamente si può agire nella giusta direzione, iniziando con piccoli passi dalla semplicità. Smetti,pertanto di cercare grandi soluzioni per “grandi” problemi e inizia dallo spontaneo atto del mangiare.

Semplicemente, per mantenere uno stato di salute ottimale e assicurare un corretto apporto nutrizionale al tuo organismo, il tuo impegno dovrà iniziare a tavola.

Qualsiasi siano le tue esigenze, sia che tu necessiti di una “dieta dimagrante” o di una ipercalorica, ti sarà necessario conoscere come realizzare un piatto bilanciato e completo. Per queste ragioni, dedico il mio articolo di oggi al “Piatto della Salute”

Che cos’è il piatto della salute?

Viene definito nel 2015 da alcuni esperti della nutrizione (Harvard T.H. School of Public Health).  

Si tratta di una rappresentazione grafica di un “piatto tipo” finalizzata a educare alla realizzazione di pasti salutari e bilanciati.  

Di fatti, la composizione del piatto viene definita “della salute” in quanto raccoglie le indicazioni per una corretta alimentazione equilibrata in ogni singola occasione, nella tua quotidianità.

Il piatto ideale è semplice da realizzare e include le 5 categorie di alimenti: verdura, frutta, carboidrati, proteine, grassi; affiancato da una buona fonte di idratazione.

Come si prepara?

  • Prima di tutto, prendi il tuo piatto e riempilo per metà di verdure.

Le verdure sono fonte di vitamine, sali minerali, fibra e sostanze antiossidanti. Soprattutto quando acquistate fresche, locali e di stagione, apportano enormi benefici al tuo organismo.

Se non sei amante delle verdure, puoi scegliere di consumarle come condimento del tuo primo piatto oppure crude e prima del pasto per una maggiore sensazione di sazietà.

  • Aggiungi per 1/4 del piatto una fonte di carboidrati e non dimenticare una piccola porzione di frutta

La principale fonte di carboidrati viene fornita dai cereali che sono alla base della piramide della nostra Dieta Mediterranea e svolgono un importante ruolo energetico nel nostro organismo.

Opta tra i derivati del frumento (pane e pasta, biscotti, fette biscottate) ma prediligi soprattutto i cereali integrali: questi , soprattutto se in chicco, sono ricchi di fibre, sali minerali e vitamine e favoriscono un miglior controllo glicemico e sazietà prolungata.

Scegli tra avena, bulgur, farro, frumento, orzo, segale oppure tra quelli privi di glutine (in caso di intolleranza): amaranto, grano saraceno, mais, manioca, miglio, patate, patate americane, quinoa, riso, riso semintegrale o integrale e sorgo

  • Aggiungi per 1/4 una fonte proteica

Sia che tu conduca uno stile di vita vegetariano o meno puoi scegliere tra molteplici fonti proteiche:

Consuma pesce (fresco o surgelato) almeno 3-4 volte in settimana; uova; carni magre (2-3 volte a settimana) ; legumi; derivati della soia (tofu, tempheh, germogli) (2-3 porzioni alla settimana)

  • Condisci con olio extravergine di oliva
  • Aggiungi una fonte di idratazione, preferibilmente acqua.!

Ora che sai come preparare il tuo piatto bilanciato, potrai partire da qui per riscoprire una sana relazione con il cibo e vivere più serenamente i tuoi pasti. Ricorda che l’intervento di un nutrizionista ti sarà indispensabile per educarti ad una alimentazione che sia bilanciata ed equilibrata, attraverso l’indicazione di porzioni consone alle tue esigenze.

Per maggiori informazioni, non esitare a contattarmi 🙂

3 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] alle sane e corrette abitudini alimentari (piatto della salute) aiuterà a stabilire nuovamente un ottimo rapporto con il cibo e ad accrescere la vostra […]

  2. […] attenzione alla composizione del piatto (piatto della salute); assicurati l’assunzione di provitamina D attraverso l’esposizione della pelle ai raggi del […]

  3. […] che soffre di endometriosi, necessita principalmente di un piano alimentare sano e bilanciato (il piatto della salute) ma […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *